Logo Etruschi name

Il mistero degli Etruschi

Tuscania
La città dei sarcofagi etruschi

Tuscania fu una delle più importanti città Etrusche in assoluto, anche se non se ne conosce il suo nome Etrusco e non acquisì mai lo status di Lucumonia.

Le leggende ci dicono che Tuscania fu fondata da Ascanio, figlio di Enea, che da queste parti probabilmente ha abitato, o da Tusco, figlio di Ercole e di Araxe la regina degli Sciiti.

In ogni caso la zona di Tuscania risulta essere abitata fin dal periodo villanoviano.

Un tempo la si riteneva solo una città agraria sotto la più importante Tarquinia, oggi la stiamo rivalutando come (anche) centro religioso.

Gli scavi condotti dopo il terremoto del 1971 hanno portato al ritrovamento di un villaggio protostorico, o quanto meno dell'epoca dell'età del bronzo, sotto l'attuale colle di San Pietro.

La zona del colle di San Pietro è quella più alta (acropoli) sita sul lato destro del fiume Marta ovvero lungo la direttrice strategica che da Tarquinia porta al Lago di Bolsena.

Tuscania l'acropoli


Successivamente, con la costruzione della via Clodia, alla primigenia direttrice si aggiunse un collegamento diretto con Roma che, se possibile, aumentò l'importanza di Tuscania.

A dimostrazione di ciò, tutto intorno all'acropoli in un raggio di un paio di chilometri, si trovano almeno cinque necropoli etrusco - romano:

- La Necropoli di Ara del Tufo

- La Necropoli di Casa Galeotti

- La Necropoli di Madonna dell'Olivo

- La Necropoli della Peschiera

- La Necropoli di Pian di Mola

Tuscania l'acropoli


e tutta una serie di piccole necropoli o sepolture quasi isolate site a:

- Carcarello (tomba dei Vipinanas)

- Castelluccio

- Castelluzza (con tombe del V-IV secolo a.C.)

- Doganella

- Rosavecchia

- Sasso Pizzuto (vedi necropoli di Casa Galeotti)

- San Giuliano

- San Giusto (tombe arcaiche del VIII-VII secolo a.C.)

- San Lazzaro (tombe arcaiche del VIII-VII secolo a.C.)

- Scalette (vedi necropoli di Madonna dell'Olivo)

- Sughereto

- Val Vidone (zona in cui anche di recente sono stati trovati sarcofagi)

Personalmente ritengo che Tuscania, nonostante i numerosissimi ritrovamenti già fatti, sia uno dei pochi posti in cui si potranno fare ulteriori importanti scoperte.

Tuscania


Nelle necropoli di Tuscania si possono vedere quasi tutti i tipi di tombe Etrusche.

Dai tumuli arcaici con tamburo circolare della necropoli di Ara del Tufo di chiara influenza ceretana, alle tombe a fenditura superiore (tipologia di tombe presente solo a Tuscania) della necropoli ancora di Ara del Tufo e delle tombe site in località Scalette.

Tomba a Dado

La Tomba a Dado nella necropoli della Peschiera

Dai dadi e dalle tombe a tetto dipluviato delle necropoli di Peschiera e di Pian di Mola fino ad arrivare alle tombe rupestri delle necropoli di Peschiera e di Pian di Mola, con lunghe camere funerarie assiali provviste di banchine per le deposizioni multiple in longitudinale.

Tuscania sarcogago presso l'acropoli


Praticamente si inizia con le tombe arcaiche del VII - VI secolo a.C. per arriavare alle tombe tardo elleniste del I secolo a.C..

Questo dimostra che per oltre 600 anni a Tuscania ci sono state famiglie "almeno benestanti" che si potevano permettere belle e costose tombe e bellissimi sarcofagi sia in nenfro e sia in fittile (in terracotta) del II - I Sec. a.C..

Tuscania sarcogago presso l'acropoli


In nessun altra città Etrusca si sono trovati così tanti sarcofagi come a Tuscania fatto che, grazie alla mostra tenuta a Londra nel 1837 a cura dei fratelli Carlo, Secondiano e Domenico Campanari figli di Vincenzo, le ha dato il nome di città dei sarcofagi etruschi.









Ti è piaciuta questa pagina?

Se "SI" votaci su Google premendo il pulsante +1 qui accanto

e per restare in contatto con noi seguici su





Etruschi Name

Tu sei il nostro visitatore dal 31-08-09