Logo Etruschi name

Il mistero degli Etruschi

Castel d'Asso

Siamo a Castel d'Asso ovvero l'antica Axia.

Qui si trova una delle più belle (o forse la più bella) necropoli rupestre Etrusca.

Tomba Grande

Tomba Grande

Che veramente la zona in epoca etrusca ellenista si chiamasse Axia non vi è alcuna certezza.

Il nome di Axia infatti fu dato dal frate domenicano Annio da Viterbo (Viterbo 1432 - Roma 1502) noto per l'opera Antiquitatum variarum volumina XVII (1489), ma ancor più noto per falsificazioni epigrafiche!

Comunque il nome di Axia è bello e appropriato all'imponenza dell'area.

In epoca recente (1817) la zona di Axia fu ritrovata (ma in questo caso è più corretto dire semplicemente studiata) dall'archeologo viterbese Francesco Orioli a cui si deve anche la scoperta di Norchia.

Mappa dell'area di Castel'Asso - Axia

Mappa dell'area di Castel'Asso - Axia fotograta in area e personalizzata da Noi

A differenza di altre necropoli quella di Castel d'Asso ha una estensione relativamente limitata concentrandosi in un raggio di poche centinaia di metri.

Vogliamo specificare che tranne per la Tomba Orioli di cui siamo certi della corretta attribuzione per tutte le altre tombe ci riserviamo di poter aver sbagliato l'attribuzione foto/tomba.

Il motivo è semplice in tutta la necropoli abbiamo visto solo quattro malridotti cartelli segnaletici: due all'ingresso, uno per la tomba Orioli ed uno per la tomba Grande.

Dobbiamo dire che anche in bibliografia foto con la chiara indicazione del nome delle tombe non si trovano, se non per la tomba Orioli e, sul sito www.canino.info, una per la tomba Grande.

L'autore di questa foto è Giacomo Mazzuoli, a nostro avviso uno dei migliori conoscitori dell'Etruria Etrusca, e quindi una sicurezza nell'attribuzione.

Per pura semplificazione mentale abbiamo diviso la visita alla necropoli in tre settori.

Il primo settore va dal piazzale di sosta delle auto fino alla valle del fiume Freddano dove la strada si biforca.

Tombe Orioli, Tetnie ed Urinates


Nel primo settore si trova la tomba Orioli ed a seguire sul medesimo costone di collina la tomba Tetnie (aristocratica famiglia proveniente da Vulci) e degli Urinates Salvies.

Specifichiamo che almeno sulla Toma dei Tetnie si dovrebbe vedere una iscrizione con il nome gentilizio Tetnie ... iscrizione che però noi non abbiamo trovato.

Quasi davanti alla tomba Tetnie si trova la tomba Ceises dove invece la scritta Ceises è ben visibile (quando non ci batte il sole diretto).

La scritta Ceises sopra l'omonima tomba ... un grazie a Elena Ronca che ce l'ha indicata


Il secondo settore si sviluppa a destra della piazza centrale sul crinale della collina che da sull'ampio bacino del torrente Freddano.

In questo settore non si individuano tombe di particolare importanza anche se diversi dadi sono dei piccoli capolavori.

Tomba a dado


Il terzo settore si sviluppa a sinistra della piazza centrale sul crinale dell'altra collina che da sull'ampio bacino del torrente Freddano davanti al castello.

Il costone di tufo della tomba Grande


In questo settore si trova la Tomba Grande uno dei monumenti funebri più imponenti dell'architettura rupestre Etrusca.

Molte tombe mostrano che sono state utilizzate fino in epoca recente, se non recentissima, da parte dei pastori locali.

Grotta per pastori Grotta per pastori


La visita è sicuramente affascinante al limite del togliere il fiato ... come accadde al povero George Dennis che arrivò a paragonare Castel d'Asso alle piramidi Egizie.

Ma esattamente dove è la necropoli di Castel d'Asso?

La necropoli è appena fuori Viterbo dopo le Terme dei Papi lungo la lunga via del Procoio.

Con un navigatore per arrivare al parcheggio ove si lasciano le auto si devono settare le coordinate:

N 42° 23' 53"

E 12° 1' 9"




Ti è piaciuta questa pagina?

Se "SI" votaci su Google premendo il pulsante +1 qui accanto

e per restare in contatto con noi seguici su





Etruschi Name

Tu sei il nostro visitatore dal 31-08-09