Etruschi.name

Il mistero degli Etruschi


Le tombe Le iscrizioni D.H. Lawrence - G. Dennis



Come arrivare

Luni sul Mignone La Ferrovia Capranica - Civitavecchia

Luni sul Mignone



Da Ponton Serignano a Luni

La ricerca dell'antico abitato di Luni per Noi è stata preparata e vissuta come una vera spedizione archeologica.

I testi che consultavamo indicavano Luni come spersa e non raggiungibile e quindi, come prima cosa, ci siamo fatti un sopralluogo virtuale dei luoghi tramite Google Earth.

La probabilità di perdersi o di non trovare nullla era stimata in altissima ...

Luni
Luni

... e poi abbiamo scoperto che a Luni si può arrivare comodamente in auto semplicemente passando sull'ex tracciato della vecchia ferrovia Capranica - Civitavecchia!

Comunque Noi l'abbiamo raggiunta (sempre arrivando da Blera) sia seguendo l'itinerario "selvaggio" proposto da Giovanni Menichino in "Escursionismo d'Autore nella Terra degli Etruschi" e sia arrivando in auto tramite il percorso della ferrovia.

Come arrivare

Per arrivare a Luni sul Mignone da Blera / Barbarano Romano si deve usare la Strada Provinciale 42.

Appena dopo la vecchia ed abbandonata Stazione di Civitella Cesi si prende la strada bianca sulla sinitra e si prosegue per circa 3 km costeggiando la vecchia ferrovia fino al piazzale di Ponton Serignano.

ingresso sulla Strada Provinciale 42
ingresso sulla Strada Provinciale 42

Qui abbiamo due alternative.

Su può tentare di proseguire sulla vecchia carrareccia della ferrovia dove non ci sono più le traversine del treno.

La strada è bianca e con grosse buche che spesso sono piene d'acqua.

Con un fuoristrada (o con una Panda) la si può percorrere fino al ponte in ferro sul Mignone.

Ovviamente si può andare anche a piedi (od in mountain bike) e ci faremo una bella passeggiata (sotto il Sole) di circa 5 km.

Ferrovia Capranica Civitavecchia

In alternativa si può continuare lungo la strada bianca che costeggia la ferrovia e lasciare la macchina poco dopo il cancello (da richiudere) che si trova sulla carrareccia che dall'alto segue il percorso della ferrovia.

Fermatevi sul pianetto prima della discesa ... in quanto solo una 4x4 nuda e pura può passare oltre.

Si scende e si risale entrando nella piana degli Asfodeli.

Ricordiamo che gli Asfodeli, che tra queste valli sono comunissimi, erano il Fiore dei Morti per gli Etruschi.

Asfodelo
Asfodelo

Si segue il bordo di destra entrando in un esteso pianoro.

Lo borderemo a sinistra (è recintato) per meno di 100 metri.

Appena vedete la traccia di un sentiero aldila della recinzione ... scavalcate e proseguite a mezza costa nel bosco.

il sentiero nel bosco
il sentiero nel bosco

Il percorso è realmente appena accennato e spesso occorre avanzare ad esperienza.

L'unico vantaggio è quasi sempre in discesa.

il sentiero nel bosco
il sentiero nel bosco

Inotre consigliamo di evitate di puntare a scendere verso il Mignone che vedrete alla Vs sinistra.

Quando, dopo la discesa tra i massi ciclopici, perderete il sentiero puntate sempre diritto, ma guardateVi a destra.

Un po' nascosto si trova questo strano (grosso) oggetto al limite tra lo scherzo della natura e l'opera dell'uomo.

Vasca da bagno
la grande vasca

Poi si scende fino a costeggiare il Mignone per poi aggirare l'ultimo sperone di roccia.

Davanti a Noi si erge il ponte in ferro della Ferrovia Capranica - Civitavecchia ... siamo finalmente arrivati, dopo due orre di marcia, a Luni sul Mignone.

Ponte ferroviario sul Mignone
Ponte ferroviario sul Mignone

Sembra quasi incredibile a dirsi ma, Domenica 3 Aprile 2011, saremmo stati almeno una sessantina (in 10/12 gruppi) a fare pic nic sul Mignone sotto la irraggiungibile Luni!

Luni

La scelta di realizzare qui il primordiale abitato "appenninico" non fu ovviamente una scelta del caso ma dirivò dalla inaccessibilità dei luoghi unita alla presenza di acqua, al clima mite tutto l'anno ed alla possibilità di cacciare e/o allevare ovini e bovini.

Per l'uomo dell'età del bronzo prima e del ferro poi il pianoro di Luni era l'ideale.

E lo fu anche per gli Etruschi arcaici.

Il piano di Luni è infatti quasi chiuso a tringolo dai tre fiumi / fossi che vi scorrono sotto: il fiume Mignone ed i suoi affluenti i fossi Canino e Vesca.

In pratica gli abitanti del pianoro avevano acqua corrente tutto l'anno.

Pianoro di Luni
Pianoro di Luni

La visita alla Luni arcaica inizia con la "salita" verso il pianoro di Luni per arrivare prima alla casa dell'età del ferro e poi all'abitato appenninico.

Ed i due siti sono divisi dalla tagliata Etrusca.

Casa dell'età del ferro

La capanna dell'età del ferro è sita, protetta da una ampia tettoia, sopra il pianoro di Luni sul Mignone

Capanna dell'eta del ferro a Luni
Capanna dell'eta del ferro a Luni

La capanna è il più antico edificio dell'Italia centrale essendo stato datato al XII secolo a.C. ... quando in Grecia si combatteva la Guerra di Troia.

Siamo nel pieno del periodo Villanoviano, anzi, visto che siamo a pochi chilometri dal lago di Bolsena ... Rinaldoniano.

Zona A Residenziale
Zona A Residenziale

La capanna tutto sembra tranne che una capanna.

Infatti le dimensioni di 17 x 9 mt sono tutt'altro che modeste.

Ma quello che sorprende di più è: la profondità di scavo di ben 6 mt.

Zona B di Culto
Zona B di Culto

Probabilmente la capanna era addirittura divisa in due ambienti ben distinti:

La zona A residenziale fu bruciata in periodo Etrusco arcaico (VIII secolo a.C.), mentre per la zona B è documentato l'uso fino all'epoca Cristiana.

Tra l'altro sulla sinitra si vedono un paio di sepolture cristiane mentre sulla destra i buchi per i pali in legno.

L'abitato appenninico

La zona dell'abitato appenninico è composta da tre grandi capanne a pianta rettangolare.

Le capanne erano scavate nella roccia (profondità dea 1,2 a 2,2 mt e avevano tutte larghezza 4 mt e lunghezza di 7, 30 e 42 mt.

I muri erano a secco ed il tetto di paglia.

abitato appenninico

Le abitazioni erano disposte ad est a protezione del villaggio stesso.

Infatti gli ingressi (sono individuabili tramite il taglio nella roccia) si aprono verso ovest ovvero verso l'interno del Pianoro.

abitato appenninico

Il villaggio fu abitato dal XVI al XI secolo a.C. ovvero dall'età del Bronzo dino all'età del Ferro.

Poi vennero gli Etruschi ... con le loro tagliate.

tagliata Etrusca
tagliata Etrusca

tagliata Etrusca
tagliata Etrusca

Al ritorno abbiamo fatto a piedi il tracciato della ferrovia deviando sulla destra all'altezza di dove avevamo lasciato l'auto.

Non ci si può sbagliare visto che è il solo guado che si incontra.

AugurandoTi una buona visita al sito ... Ti consigliamo di prenotare con Noi la Tua vacanza usando Booking.com. Qui di seguito alcune offerte last minute per i prossimi due giorni su alcune delle strutture presenti nei Luoghi degli Etruschi

Booking.com